Warehouse 51

Follow
7.3

Buono

2038, gli USA in bancarotta decidono di fare cassa aprendo la mitica Warehouse 51 dentro la quale, da sempre, vengono conservati i tesori dei millenni.

Nei panni di collezionisti miliardari dovrete accaparrarvi i migliori artefatti della Storia. Ma attenti! Tra loro si celano dei falsi, e non tutti gli artefatti sono cosi benefici…

Genere: Gioco di carte
Meccaniche:
Asta, Collezione set
Giocatori:
3-5
Età: 8+
Durata:
45 minuti
Casa Editrice:
Fun ForgePendragon Game Studio
Designer:
Bruno Faidutti, Sergio Halaban, André Zatz
Prezzo di copertina:
 19,90 €

1. Il gioco

Set-up rapidissimo, com’è abitudine dei giochi di carte.

10 lingotti d’oro (1) e una plancia giocatore (5) a testa; i certificati di autenticità (2) e i segnalini Banco dei Pegni (6), a portata di mano dei giocatori. Al centro del tavolo le 26 carte reliquia divise per colore. Tra ogni coppia di giocatori si posiziona una carta “Oggetto contraffatto” a faccia in giù.

Prima dell’inizio di Warehouse 51 ciascun giocatore può guardare l’oggetto contraffatto alla propria destra e alla propria sinistra; in tal modo conoscerà 2 dei 4 oggetti contraffatti, e nessuno consocerà la stessa coppia.

Al proprio turno un giocatore inizia un’asta, inizia il gioco il giocatore più giovane, poi il turno passa di volta in volta al vincitore dell’asta.
Per incominciare un’asta il giocatore deve rivelare la prima carta di una delle quattro categorie possibili, a questo punto possono incominciare due possibili tipologie di asta:

  • Se sulla carta è presente un pugno si fa un’asta al buio: ciascun giocatore mette nella propria mano chiusa un numero di lingotti a propria scelta (e nasconde gli altri). Al segnale convenuto tutti rivelano e chi ha puntato di più vince l’asta. Il vincitore guadagna la carta e da i lingotti “spesi” al giocatore alla propria sinistra. In caso di parità vince il primo giocatore in senso orario partendo da chi ha fatto l’asta.
  • Se non c’è il simbolo del pugno si fa un’asta aperta: Partendo dal giocatore a sinistra di colui che ha fatto cominciare l’asta ciascun giocatore può puntare o passare. Se punta deve puntare almeno 1 lingotto in più del giocatore precedente, se passa è fuori da quest’asta. Il vincitore guadagna la carta e da i lingotti “spesi” al giocatore alla propria sinistra.

Se nessuno punta niente la carta viene scartata e si passa ad una nuova asta.

Se durante la partita un giocatore rimane con 5 lingotti o meno può impegnare una propria reliquia per ricevere5 ulteriori lingotti dalla banca. Alla fine della partita può riscattare la reliquia pagando 10 lingotti. Le reliquie impegnate che possiedono delle benedizioni perdono i loro effetti, mentre quelle maledette li conservano.

Anatomia delle carte

In Warehouse 51 vi sono 4 tipologie di carte (identificabili dai rispettivi colori):

  • Fantasy Occidentale e Letteratura: Pietra filosofale, Excalibur, Graal…
  • Mitologia Europea: Martello di Thor, Scatola di Pandora, Corno dell’abbondanza…
  • Vicino e Medio Oriente: Lampada di Aladino, Tappeto Volante, Arca dell’Alleanza…
  • Culture Orientali: Amo di Maui, Yata No Kagami, Amenonuhoko…

Ciascuna carta possiede un valore compreso tra 1 e 3. Il valore di ciascuna categoria di ogni giocatore è data dalla somma di questi valori. Ogni categoria non ha lo stesso numero di carte per ogni valore. Alla fine della partita si fa la somma per ogni categoria e si assegnano i relativi punti vittoria, al primo e al secondo giocatore.

Molte carte, inoltre, forniscono dei poteri – positivi o negativi – che andranno ad influenzare il gioco: immediatamente, permanentemente, alla fine del gioco oppure durante il conteggio finale dei punti.
Alcuni di questi bonus prevedono l’assegnazione di un certificato di autenticità ad uno dei propri artefatti, il quale sarà completamente immune alle carte contraffazione.

Fine del gioco

Alla fine del gioco i giocatori possono riscattare le proprie reliquie impegnate, poi possono assegnare i propri Certificati di Autenticità (sperando di aver capito nel corso del gioco quali siano le reliquie false). Dopodiché vengono rivelate le Carte contraffazione, sia quelle iniziali che quelle eventualmente aggiuntesi nel corso del gioco. Le reliquie rivelatesi false vengono scartate, dopodiché si passa al conteggio dei punti.

Ciascun giocatore colleziona punti (come riassunto sulla propria plancia) nella seguente maniera:

  • Per ciascuna categoria, in base allo schema sopra riportato
  • Per ogni set di 4 carte di categorie differenti guadagna ulteriori 5 punti
  • Per ogni 5 lingotti rimasti guadagna 1 ulteriore punto

Chi possiede più punti vince, in caso di parità vi sono due artefatti che risolvono il problema!

2. Riflessioni

Ambientazione molto evocativa per questo rapido gioco d’aste. Le citazioni sono veramente tante ed elencarle tutte sarebbe un’impresa ardua. Durante il gioco vi troverete a fantasticare sulle varie reliquie e sul dove le abbiate viste, probabilmente ricordandovi un polveroso magazzino…

@Paramount Pictures – I Predatori dell’Arca Perduta

Tornando al Warehouse 51, ci troviamo di fronte ad un tuo gioco di carte, semplice e rapido, adatto a tutti. A prima vista potrebbe sembrar banale: faccio l’asta, prendo la carta, faccio l’altra asta; in realtà si riescono a delineare alcune strategie grazie ai vari poteri delle reliquie. I poteri infatti sono molto impattanti nel gioco e fan si che, sfruttati a dovere, si riesca a dare un indirizzo preciso ala propria partita.

L’aggiunta delle reliquie false, e del conseguente bluff in fase d’asta, rende il gioco ancora più interessante e, soprattutto, fa si che i giocatori debbano stare attenti anche alle aste nelle quali non possono partecipare per mancanza di lingotti, per capirne eventuali andamenti “strani”.
Un po’ come dire “guarda quanto è bella quell’Arca… Forse un po’ troppo”.

@Paramount Pictures

Molto caratterizzante anche il sistema di pagamento delle aste, che non vanno alla banca ma al giocatore alla propria sinistra. I designer qui han preferito far perdere un pizzico di veridicità al gioco per dare un forte limite ai lingotti in circolazione e, soprattutto, una modalità per i giocatori di avere sempre contanti freschi, senza dover per forza ricorrere al Banco dei Pegni.

3. Conclusioni

Warehouse 51 è un gioco rapido e divertente adatto a tutti. Nonostante possa essere giocato molto facilmente dalle famiglie e dai ragazzi può, al contempo, stimolare i Gamers incalliti in appassionanti aste e combo di poteri.

4. Varie

Il titolo combina il nome di una serie TV Warehouse 13 e la famosa Area 51, dove le leggende metropolitane narrano che vengano custoditi gli oscuri segreti degli USA.

Good

  • Ambientazione coinvolgente
  • Carte ben fatte
  • Citazioni a go-go

Bad

  • Difficile recuperare
7.3

Buono

Giocabilità - 7
Longevità - 7.5
Grafica - 6.5
Ambientazione - 8.5
Regolamento - 7
Materiali - 7
Faccio mie parole di altri. Così mi descrivono su Lega Nerd :) "Una persona guidata da due concetti straordinariamente positivi: stare insieme e giocare. Era dunque inevitabile che in gioventù fosse uno dei principali promotori di iniziative con l’associazione Amici Ludici di Mantova. Se il suo incarico da educatore lo mantiene attivo sul lato sociale, il suo impegno con l’app Il Gioco lo tiene estremamente impegnato in ambito ludico. Sua infatti la mente e la “penna” dietro molte delle anteprime che leggiamo sui nostri smartphone tutti i giorni, che lo rendono un importante influencer in ambito nazionale. Chi temeva che la paternità lo fermasse, dopo averlo visto presenziare alle più importanti fiere internazionali con pargolo al seguito, si è potuto ricredere!"

Lost Password

Sign Up