Pandemic Legacy

2016 As d'Or - Jeu de l'Année Expert Winner
Follow Acquistalo
7.1

Buono

Uno dei giochi più discussi dell’ultimo anno. Uno dei più amati e al contempo uno dei più odiati. Cosa ne pensiamo di Pandemic Legacy? scopritelo qui sotto.

Genere: Collaborativo, Legacy
Meccaniche:
Punti Azione, Cooperativo, Gestione della Mano, Collezione di Set, Poteri dei giocatori Variabili
Giocatori:
2-4
Età: 13+
Durata: 
60 min
Casa Editrice:
Asterion – Asmodee Italia
Designer: 
Rob Daviau, Matt Leacock
Prezzo di copertina: 37,99 €

1. Il gioco

l gioco base non differisce molto da una normale partita a Pandemia. Ogni giocatore interpreta un esperto nella cura delle malattie (4) che infestano il nostro mondo. Scopo del gioco è di trovare la cura di tutte e 4 le malattie prima che si diffondano in maniera inarrestabile.

Rispetto al gioco classico, però, vi sono alcune differenze che contraddistinguono questa versione di Pandemic:

  • Mazzo Legacy
    • Il cuore di questa versione del gioco, è composto da parecchie carte che descrivono cosa succede nei 12 mesi di gioco. Va girato con cautela e solo quando lo dice il gioco stesso (leggendo bene la carta). Presenta dei visibili STOP per evitare spoiler.
  • Dossier e scompartimenti 
    • Una cartella con diversi scompartimenti che vengono aperti solo quando il gioco lo dice.
    • Vi sono 8 scompartimenti segreti nella scatola, anch’essi vanno aperti quando lo dice il gioco. Lo scompartimento numero 8 riceve un adesivo prima della prima partita ” da aprire se si perdono 4 partite consecutivamente”.
  • Obiettivi
    • Il gioco inizia col solito obiettivo “trovare la cura per le 4 malattie”, pare che durante il gioco ne vengano fuori altri.
  • Finanzianziamenti
    • I giocatori partono con 4 carte finanziamenti da inserire nel mazzo giocatori; se si vince la partita si riducono di 2, se si perde si aumentano di 2, fino ad un minimo di 0 o a un massimo di 10.
  • Mesi di Gioco
    • Pandemic Legacy è diviso in 12 mesi di gioco, se il gruppo vince passa al mese successivo, se perde ha diritto a ritentare il mese una seconda volta.
  • Calendario di gioco
    • E’ il registro delle partite dei giocatori.
  • Livello di Panico
    • Le città possiedono dei livelli di panico (da 0 a 5) che rimangono permanentemente sul tabellone. Ogni città parte a 0 ed ogni volta che in una città si verifica un focolaio bisogna attaccare un adesivo col livello di panico superiore nello spazio apposito.
  • Cicatrici e Personaggi Perduti
    • Se un personaggio si trova in una città dove esplode un focolaio ottiene una cicatrice (un adesivo malus da attaccare alla scheda personaggio)
    • Se un personaggio ottiene la terza cicatrice, o se si trova in una città quando diventa perduta (livello 5 di panico), la scheda va distrutta.
  • Migliorie di Fine Partita
    • Alla fine di ogni partita, indipendentemente da come sia andata, i giocatori scelgono 2 possibili migliorie che vanno attaccate permanentemente; le possibili migliorie sono:
      • Eventi non finanziati: gli adesivi vanno attaccati direttamente alle Carte Città
      • Stazioni di ricerca iniziali: si sceglie una stazione di ricerca già presente in gioco e si aggiunge un adesivo sul tabellone, da quel momento si invierà la partita con una stazione di ricerca anche li (oltre ad Atlanta)
      • Migliorie personaggio: bonus da dare ad una scheda personaggio
      • Mutazioni Positive: possono essere assegnate solo a malattie debellate durante la partita, la indeboliscono per le partite seguenti.

2. Riflessioni

Credo che nell’ultimo anno non ci sia stato un gioco che abbia fatto parlar maggiormente di sé più di Pandemic Legacy. Per la sua rapida scalata alle classifiche su BoardGameGeek.com, per il suo essere Legacy (quindi un viaggio di sola andata) ecc…

Pandemic Legacy può piacere o non piacere ma difficilmente si può definire un brutto gioco, in quanto mantiene tutte le promesse: difficile, cooperativo, un viaggio unico e un’incredibile esperienza di gioco.

Distruggere le carte, modificare pesantemente la plancia di gioco, può non essere nelle corde della maggior parte dei giocatori, ma non farlo toglie molto, se non tutto a questo gioco.

3. Conclusioni

Pandemic Legacy è un viaggio, un’esperienza che difficilmente si trova in un Gioco da Tavolo. Tradizionalmente un GdT è un’esperienza ludica che si può ripetere infinite volte ma, alla lunga, sarà sempre un ritornare in qualcosa di familiare nonostante la varietà delle partite.

Pandemic Legacy, invece, ci offre qualcosa di unico, è una storia nella quale i giocatori sono i diretti protagonisti, è un viaggio ricco di imprevisti e colpi di scena che traineranno 4 giocatori e li terranno col fiato sospeso per 12-24 partite (in media 16-18). Quale altro gioco può dare la stessa sensazione? Oggi, a più di un anno dall’uscita di Pandemic Legacy, si stanno affacciando altri giochi con queste caratteristiche (Penso a T.I.M.E Stories, del quale parleremo nelle prossime settimane), ma il gioco di oggi è stato un precursore, uno di quei giochi che fanno iniziare una nuova era ludica. Era dai tempi dell’uscita di Dominion che non c’era un’innovazione così forte nell’ambito dei giochi da tavolo, e dovremo aspettare qualche anno per trovarne un’altra.

4. Varie

A Essen Spiel 2016 è stata annunciata la stagione 2 della quale si sa ancora poco o nulla, se non che dovrebbe essere completamente separata dalla prima.

Good

  • L'idea "Legacy"
  • I materiali

Bad

  • Strappare le carte può infastidire
  • Gruppo di gioco "fisso"
7.1

Buono

Giocabilità - 8
Longevità - 6
Grafica - 6
Ambientazione - 7.5
Regolamento - 7.5
Materiali - 7.5
Faccio mie parole di altri. Così mi descrivono su Lega Nerd :) "Una persona guidata da due concetti straordinariamente positivi: stare insieme e giocare. Era dunque inevitabile che in gioventù fosse uno dei principali promotori di iniziative con l’associazione Amici Ludici di Mantova. Se il suo incarico da educatore lo mantiene attivo sul lato sociale, il suo impegno con l’app Il Gioco lo tiene estremamente impegnato in ambito ludico. Sua infatti la mente e la “penna” dietro molte delle anteprime che leggiamo sui nostri smartphone tutti i giorni, che lo rendono un importante influencer in ambito nazionale. Chi temeva che la paternità lo fermasse, dopo averlo visto presenziare alle più importanti fiere internazionali con pargolo al seguito, si è potuto ricredere!"

Lost Password

Sign Up